Aperture > P. di Donna > P. di G. C. > G. di Donna > V. di cambio anticipata

 Scacchi    Gambetto di Donna, variante di cambio anticipata D35

PGN: 1. d4 d5 2. c4 e6 3. Nc3 Nf6 4. cxd5
FEN: rnbqkb1r/ppp2ppp/4pn2/3P4/3P4/2N5/PP2PPPP/R1BQKBNR b KQkq - 0 4

Samuel Herman ReshevskyFra tutte le cosiddette "varianti di cambio" del Gambetto di Donna classico (cioè con 2 ..., e6) è nettamente la più frequente, infatti in molti testi è indicata semplicemente come variante di cambio, tuttavia tale denominazione è qui riservata ad una continuazione più specifica (cfr. sotto) che rispetta la classificazione del Manuale teorico-pratico delle aperture (1ª ed. 1971) di Giorgio Porreca. La differenza principale è che nella posizione del diagramma il Nero può riprendersi il Pedone anche con il Cavallo di Donna, sebbene statisticamente ciò accada appena nel 15% dei casi, perché dal punto di vista agonistico risulta preferita di gran lunga la continuazione 4 ..., e:d5. È proprio con questa mossa che nel 1931 la cecolosvacca, naturalizzata inglese, Vera Menchik (1906-1944) battè l'indiano-pakistano Mir Sultan Khan (1905-1966) al Torneo di Hastings, in quella che può essere considerata la prima partita d'alto livello disputata con la presente linea di gioco. Dopo questa sconfitta Sultan Khan evitò di usare la variante di cambio anticipata in partite importanti. A causa di ciò, il primo scacchista famoso ad adoperarla con una discreta regolarità fu il polacco, naturalizzato statunitense, Samuel Herman Reshevsky (1911-1992), forse per scansare le linee più teorizzate del Gambetto di Donna, sulle quali è molto più facile trovare avversari tecnicamente preparati.

Il Bianco non ha molto da guadagnare col cambio al centro, almeno all'apparenza. È vero che si apre la colonna c per la Ta8, ma è anche vero che dopo 4 ..., e:d5 il Nero ha risolto il problema dello sviluppo del suo Alfiere campochiaro, che prima era sbarrato dal Pe6. La prassi ha però dimostrato che il Bianco può ancora creare qualche difficoltà al Nero con un attacco di minoranza dei suoi Pedoni dell'ala di Donna (di "minoranza" perché ha solo due Pedoni contro i tre dell'avversario sulla medesima ala), al fine di creare debolezze sfruttabili con le proprie Torri, eventualmente raddoppiate sulla colonna c per aumentarne la pressione. Si tratta, in sintesi, di una variante adatta a chi ama il gioco molto strategico e lungamente manovrato, mentre chi cerca soluzioni più tattiche farebbe meglio ad evitare il cambio Pc4:d5 per non allentare la pressione sulla punta dello schieramento nero.

1 d4, d5; 2 c4, e6; 3 Cc3, Cf6; 4 c:d5, ...

Gambetto di Donna, variante di cambio anticipata Posizione base della variante di cambio anticipata

Principali continuazioni:
Barra statistica basata sui risultati di 56 partite dei tornei tematici
36% 27% 37%

Top Line: 1 d4, d5; 2 c4, e6; 3 Cc3, Cf6; 4 c:d5, e:d5; 5 Cf3, Ad6; 6 Ag5, c6; 7 e3

  Download  Partite dei tornei tematici  

Pagina precedente Livello superiore Pagina successiva