free site templates

© 1998-2020  Andreas Frank Vogt - All Rights Reserved

Teoria

Attacco Nimzowitsch-Larsen

Apertura: Attacco Nimzowitsch-Larsen / Attacco Nimzo-Larsen

Variante: -

Codice ECO: A06

FEN: rnbqkbnr/ppp1pppp/8/3p4/8/1P3N2/P1PPPPPP/RNBQKB1R b KQkq - 0 2

Linea standard: 1. Cf3 d5 2. b3

Debutto ufficiale: 1894 (Albin)

rnbqkbnr/ppp1pppp/8/3p4/8/1P3N2/P1PPPPPP/RNBQKB1R b KQkq - 0 2

Schema di gioco che prende la denominazione dal GM lettone Aaron Nimzowitsch (1886 - 1935) e dal GM danese Bent Larsen (1935 - 2010).  È un tipico impianto d'apertura della scuola ipermoderna, con cui il Bianco si prefigge di controllare il centro con un tiro incrociato tramite il Cavallo di Re e l'Alfiere camposcuro posto in fianchetto.
L'idea strategica dell'Attacco Nimzowitsch-Larsen esordì comunque nell'arena internazionale alla fine del '900 per merito del rumeno Adolf Albin (1848 - 1920), ma senza destare una grande attenzione. Fu invece proprio Nimzowitsch a portare alla ribalta questo attacco, soprattutto con la vittoria contro Tartakower al Torneo Masters di Copenaghen del 1923. Sebbene possa essere considerato una semplice variante dell'Apertura Larsen o dell'Apertura Reti, l'Attacco Nimzowitsch-Larsen attualmente è ormai considerato da molti  teorici un'apertura indipendente, grazie anche alle vaste ricerche che su di esso ha compiuto Larsen, che adoperava spesso la presente linea di gioco con notevole profitto e come fonte continua di sorprese tattiche. 

Bent Larsen