bootstrap html templates

© 1998-2021  Andreas Frank Vogt - All Rights Reserved

Teoria

Gambetto Busch-Gass

Apertura: Gambetto Busch-Gass

Variante: -

Codice ECO: C40

FEN: rnbqk1nr/pppp1ppp/8/2b1p3/4P3/5N2/PPPP1PPP/RNBQKB1R w KQkq - 0 3

Linea standard: 1. e4 e5 2. Cf3 Ac5

Debutto ufficiale: 1880 (Henshel)

rnbqk1nr/pppp1ppp/8/2b1p3/4P3/5N2/PPPP1PPP/RNBQKB1R w KQkq - 0 3

Conosciuto almeno dalla seconda metà dell'Ottocento, quand'era in voga fra gli scacchisti tedeschi, questo ardito gambetto è tanto romantico quanto debole. Il Nero può sperare di pescare nel torbido soltanto se il Bianco tratta in maniera superficiale l'apertura. La variante principale, infatti, contempla il seguito 3. Cxe5 Cc6 4. Cxc6 dxc6 ma l'apparente vantaggio di sviluppo del Nero viene neutralizzato dalla semplice 5. c3!, con cui il Bianco prepara un muro di Pedoni centrali difficile da contrastare. Pure l'attacco 3. ... Dh4, con la minaccia Dh4xf2#, non cava un ragno dal buco per via di 4. d4 Dxe4+ 5. Ae3 e il Bianco sta meglio.

L'apertura prende il nome da due giocatori tedeschi, l'inventore del gambetto Eugene Busch, attivo nella prima metà del '900, ed il Maestro Ulrich Gass dello Scachclub Eppingen e.V., che lo rivitalizzò senza però adoperarlo in partite veramente importanti.

Ulrich Gass