best free html templates

© Copyright 2019 Andreas Frank Vogt - All Rights Reserved

Teoria

Lo schieramento iniziale

LA SCACCHIERA

La scacchiera è un quadrato 8 x 8. Le caselle sono dette case, disposte alternativamente in colore chiaro e colore scuro. La scacchiera è divisa immaginariamente in 8 file di case verticali, dette colonne, e 8 file di case orizzontali, dette traverse. Naturalmente sulla scacchiera sono presenti anche le diagonali, definite come case consecutive dello stesso colore poste in linea obliqua e con gli angoli in contatto a due a due.

Vale la seguente fondamentale regola:

    "La casa della scacchiera posta nell'angolo a destra del giocatore deve essere di colore chiaro".

Le singole case sono identificabili tramite due coordinate, come nella sottostante immagine:

Scacchiera vuota

La scacchiera del diagramma è disposta correttamente, perché il giocatore che conduce i Bianchi ha alla sua destra la casa d'angolo h1 di colore chiaro e nella medesima maniera il giocatore dei Neri ha alla sua destra la casa d'angolo a8 chiara. Se le case fossero state scure, si sarebbe dovuto ruotare la scacchiera di 90°, altrimenti il gioco non è valido (di solito i principianti sbagliano spesso su questo particolare). Ecco alcuni esempi di linee (colonne, traverse o diagonali) della scacchiera:

1 ) Le case b1, b2, b3, ... , b8 formano assieme una colonna, per la precisione la seconda.

2 ) Le case a5, b5, c5, ... , h5 formano assieme una traversa, per la precisione la quinta. 

3 ) Le case b1, c2, d3, ... , h7 formano assieme una diagonale (chiara). 

4 ) Le case a3, b2, c1 formano una diagonale (scura). 

Queste quattro linee d'esempio della scacchiera sono indicabili rispettivamente con:

colonna b1-b8, traversa a5-h5, diagonale b1-h7 (o h7-b1), diagonale a3-c1 (o c1-a3). 

ZONE DELLA SCACCHIERA

La scacchiera viene per tradizione suddivisa in varie zone:

Centro - Le case d4, d5, e4, e5 formano insieme il cosiddetto centro della scacchiera che, strategicamente, è la zona più importante, dato che da qui è più facile controllare con i pezzi tutte le zone circostanti. 

Semicentro - Le case poste immediatamente a ridosso del centro, cioè le case c3, d3, e3, f3, c4, f4, c5, f5, c6, d6, e6 e f6, formano il semicentro della scacchiera. Da qui partono più di sovente gli attacchi dei pezzi verso il centro avversario. 

Ali - L'insieme delle prime quattro colonne (ovvero le colonne a, b, c e d) forma la cosiddetta ala di Donna, similmente le colonne restanti formano l'ala di Re

Lati - Per lati della scacchiera s'intende, di solito, soltanto le colonne laterali a e h. In effetti, quando si vuole indicare tutti e quattro i lati geometrici del quadrato della scacchiera, cioè anche le traverse 1 e 8, si preferisce usare il termine margini o bordi.

Campi - Se si prendono le prime quattro traverse (ovvero le righe 1, 2, 3 e 4) si ha il campobianco, mentre con le restanti traverse si ha il camponero. Dunque, il campo avversario del Bianco è il camponero e, naturalmente, il campo avversario del Nero è il campobianco. Questa particolare suddivisione della scacchiera in due zone, paragonabile alle due metà di un campo di calcio, non va assolutamente confusa con un'altra simile di nome, ma molto diversa come concetto: si dice, infatti, campochiaro il sottoinsieme di tutte le case della scacchiera che sono di colore chiaro e, allo stesso modo, si dice camposcuro quello che comprende invece tutte le case di colore scuro. 

Angoli - Come facilmente intuibile, gli angoli sono le quattro case poste ai vertici della scacchiera, cioè le case a1, h1, a8 e h8. Al contrario dei giochi Othello e Reversi, gli angoli nel gioco degli scacchi sono, di solito, le zone meno importati della scacchiera, perché i pezzi situati in questi posti hanno minore mobilità.

GLI SCHIERAMENTI DEI PEZZI

I due giocatori dispongono inizialmente di pari forze, cioè di 16 pezzi a testa divisi in: 

    1 Re

    1 Donna (o Regina)

    2 Torri

    2 Alfieri

    2 Cavalli

    8 Pedoni

I pezzi vanno disposti sulla scacchiera come mostrato nel diagramma successivo, facendo attenzione ad una elementare regola pratica: 

    "La Donna va nella casa del proprio colore".

In altre parole la Donna bianca va nella casa d1, che è chiara, mentre la Donna nera va nella casa d8, che è scura.

Schieramento iniziale