website templates

© Copyright 2019 Andreas Frank Vogt - All Rights Reserved

Pratica

PARTITE STORICHE
Bogoljubov vs Nimzowitsch

Bogoljubov - Nimzowitsch

Nel 1914 a San Pietroburgo, otto anni prima che nascesse l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche e che la  città venisse rinominata Leningrado, si tenne il torneo “Tutti i Maestri russi” (più noto in inglese come All Russian Masters), una competizione che fu l’antesignana dei successivi Campionati dell’URSS. All’8° turno si affrontarono l’ucraino Efim Bogoljubov (1889 - 1952), uno dei più quotati scacchisti della sua epoca, ed il lettone Aaron Nimzowitsch (1886 - 1935), famoso teorico oltre che eccellente giocatore. In questa conosciutissima partita possiamo osservare cosa succede se non ci si accontenta della patta quando le circostanze la raccomanderebbero.


IL TROPPO STROPPIA

Bogoljubov - Nimzowitsch (San Pietroburgo, 16 gennaio 1914)

[C11] Difesa Francese

1. e4 e6 2. d4 d5 3. Cc3 Cf6 4. e5 (la variante Steinitz) Cfd7 5. Dg4 (l’Attacco Gledhill, oggi fuori moda. La moderna teoria consiglia 5. f4) c5 6. Cf3 a6?! (una novità dubbia di Nimzowitsch. Migliore sembra la semplice 6. ... cxd4, rompendo la catena centrale dei Pedoni bianchi) 7. dxc5 Dc7 8. Dg3 Cxc5 9. Ad3 g6 10. Af4 Cc6 11. O-O Ce7 12. Tac1 ... 

È abbastanza evidente che Bogoljubov ha già in testa l’idea della spinta Pc2-c4, quindi la mossa di  Torre serve a prepararla. 

12. ... Ag7 13. b4 Cd7?!

Proprio per non aprire la colonna c, lo scacchista lettone rinuncia a 13. ... Cxd3, ma questo seguito è  più preciso. Ad esempio: 14. cxd3 Db6 (Db8 15. Cd4) 15. a3 Cf5 ed il Nero ha equilibrato la posizione. 

14. Ce2! (ora il Pc2 è libero di muoversi) O-O (Cb6!? per ostacolare Pc2-c4) 15. Ced4 Cc6 16.  Cxc6 bxc6 17. c4 dxc4 18. Axc4 Db8? 

18. ... Tb8 ottiene lo stesso scopo di minacciare il Pb4, ma col vantaggio di attivare la Torre.

rqb2rk1/3n1pbp/p1p1p1p1/4P3/1PB2B2/5NQ1/P4PPP/2R2RK1 w - - 0 19

19. Tb1?

Anche l’ucraino commette un errore facendosi sfuggire l’attacco 19. h4! con l’idea 19. ... Dxb4 20.  h5 Cb6 (gxh5?? 21. Ah6 ed il matto è imparabile) 21. Ad2 De7 22. Ae3! Cxc4 23. Txc4 ed il Bianco ha una moltitudine di pezzi pronti per l’assalto all’arrocco avversario. 

19. ... Cb6 20. Cd2? (era meglio portare via l’Alfiere con 20. Ab3 o 20. Ad3) Td8 (minaccia Txd2

e poi Cxc4) 21. Tfc1 Cd5 22. Te1?! (Dh4, mettendo sotto tiro la Td8) ...

rqbr2k1/5pbp/p1p1p1p1/3nP3/1PB2B2/6Q1/P2N1PPP/1R2R1K1 b - - 0 22

Dopo essere scampato ai momenti più tesi della partita, Nimzowitsch riequilibra la posizione con  una serie di cambi che spengono l’iniziativa di Bogoljubov:

22. ... Cxf4 23. Dxf4 Axe5! 24. Txe5 Txd2 25. Dg5?! ...

Una mossa di difficile comprensione, se non fatta per evitare ulteriori semplificazioni, segno che  Bogoljubov voleva vincere a tutti i costi. Con 25. Dxd2 Dxe5 26. Te1 Dc7 27. Td1 lo scacchista ucraino avrebbe ottenuto il controllo della colonna centrale aperta, che è un compenso più che sufficiente per il Pedone di svantaggio. Per esempio: 27. ... Ab7 28. Dd7 Tc8 (Dxd7 29. Txd7 Tb8 30. Tc7!) 29. Axe6! fxe6 30. Dxe6+ Df7 (Rf8?? 31. Td7) 31. Dxf7+ Rxf7 32. Td7+ eccetera. 

25. ... Dd6! (il Nero ne approfitta e s’impossessa della colonna aperta) 26. Tbe1 Dd4?!

Probabilmente la semplice 26. ... Dxb4 è preferibile. L’attacco di Donna del lettone, infatti, è un po’  troppo telefonato, eppure il suo avversario commette proprio adesso un grosso svarione: 

27. Af1?? (vedendo l’attacco primario ma non quello secondario, cfr. Fedorchuk - Maiwald, 2008) ...

r1b3k1/5p1p/p1p1p1p1/4R1Q1/1P1q4/8/P2r1PPP/4RBK1 b - - 0 27

Si doveva giocare 27. De3 Dxe3 (Dxc4? 28. Dxd2) 28. fxe3 (T5xe3?! a5!) od in alternativa 27.  T5e2 Txe2 28. Axe2 Dxb4, accettando il fatto che il Nero ha ormai posizione superiore.

27. ... Dxf2+ (attacco primario) 28. Rh1 f6 (attacco secondario: una forchetta di Pedone che causa la fine precoce della partita!) 29. De3 fxe5 30. abb. 0-1 

Alla fine della competizione Nimzowitsch si piazzò al 2° posto, preceduto soltanto per spareggio  tecnico dal vincitore Alekhine. Bogoljubov si dovette invece accontentare dell’8° posto.

La partita, nel formato di testo PDF (Portable Document Format), con le analisi dettagliate di un forte motore scacchistico.

Il file PGN (Portable Game Notation) della partita, utilizzabile con la maggior parte dei software scacchistici.

Il testo commentato della partita, nel formato PDF (Portable Document Format) con un'impaginazione ottimizzata per la stampa.